La Rete catanese #restiamoumani#Incontriamoci

 

                        ESPRIME

piena solidarietà all’equipaggio della Sea Watch già bloccato nelle acque del Mediterraneo per 13 giorni, dopo avere tratto in salvo 47 persone, ora in stato di fermo al porto di Catania per presunte azioni non conformi alla sicurezza nella navigazione e sulla normativa ambientale.

 

 

DENUNCIA

una politica finalizzata, attraverso la criminalizzazione delle ONG, a impedire il salvataggio in mare, la solidarietà e l’affermazione del diritto alla vita di ogni essere umano

 

                         CHIEDE

che Sea Watch venga fatta salpare al più presto affinché possa riprendere il suo impegno per il monitoraggio marittimo, perché non vi siano più morti in mare

 

 

CHIEDE

che si interrompa immediatamente la politica disumana dei porti chiusi e degli accordi con la guardia costiera libica, che si rispetti invece il diritto internazionale nell’ ambito dei soccorsi in mare e della richiesta di protezione internazionale

 

                         CHIAMA

la cittadinanza tutta ad esprimere la propria solidarietà all’equipaggio della Sea Watch 3, perché la Sicilia è terra d’accoglienza!