Festa della libertà

 

  con i migranti e l’equipaggio della Sea Watch 3

 

17 feb 2019 - Catania - Chiese battista e valdese - Festa della libertà
17 feb 2019 - Catania - Chiese battista e valdese - Festa della libertà

Con un falò e il vin brulè si è conclusa - nel tardo pomeriggio di domenica 17 febbraio – la “giornata per i diritti umani” celebrata dalle chiese battista e valdese di Catania.

Ancora una volta, classicamente, è stato ricordato che il 17 febbraio è «Una festa che serve a ribadire la necessità di superare le normative di epoca fascista sui “culti ammessi” e di approvare finalmente – "a distanza di 51 anni dalla promulgazione della Costituzione repubblicana – una legge quadro sulla libertà religiosa, che garantisca i diritti di tutte le confessioni religiose, comprese quelle che non hanno sottoscritto un’Intesa con lo Stato”.

17 feb 2019 - Catania - Chiese battista e valdese - Festa della libertà. Si beve il vin brulè e si canta il "Giuro di Sibaud"
17 feb 2019 - Catania - Chiese battista e valdese - Festa della libertà. Si beve il vin brulè e si canta il "Giuro di Sibaud"

Tuttavia, quest’anno è stato maggiormente posto in primo piano, in connessione ai fenomeni di immigrazione, l’elemento “diritti umani”. Purtroppo, i paesi occidentali - l’Italia in modo prepotente - stanno perseguendo politiche di respingimento prive del rispetto degli elementari diritti della persona umana.

Così le due comunità, riunite dopo il culto in un’agape fraterna/sorerna, hanno condiviso le loro vivande sia con gli ospiti della casa di accoglienza “Granello di Senape”, sia con una sezione dell’equipaggio della nave ONG “Sea Watch 3”.

Successivamente si è tenuto un briefing con i membri dell’equipaggio della predetta nave. È stato possibile avere informazioni dirette sull’attività di questa ONG, sui problemi che hanno incontrato nel corso della loro attività di soccorso nelle zone SAR prospicenti le coste libiche e sulla loro ultima disavventura. Come è noto, dopo il salvataggio di 47 naufraghi fuggiti dalla Libia e il loro complesso sbarco a Catania, la Sea Watch 3 è stata oggetto di un fermo amministrativo nel porto di questa città.

17 feb 2019 - Catania - Chiese battista e valdese - Festa della libertà. Agaoe fraterna / Sorerna.
17 feb 2019 - Catania - Chiese battista e valdese - Festa della libertà. Agaoe fraterna / Sorerna.

Un fermo prescritto dalle autorità portuali per non conformità della nave alle regole di sicurezza per la navigazione. I membri dell’equipaggio della Sea Watch 3 hanno spiegato che la nave è perfettamente sicura, che segue i tagliandi di manutenzione programmati e che i rilievi eccepiti dalla Guardia Costiera italiana si riferiscono a elementi assolutamente secondari e per nulla influenti sulla sicurezza della nave. Insomma, un fermo indotto dalla volontà politica corrente di rendere dura la vita delle navi ONG nel bacino del Mediterraneo.

Anche se gran parte dei catanesi sembra avere una posizione di ignavia / ostilità rispetto ai fenomeni di migrazione in atto nel Mediterraneo esiste, fortunatamente, un residuo che è capace di solidarietà, accoglienza, opposizione a leggi e procedure ingiuste e non rispettose dei “diritti umani”.

Proprio in questo ambito è attiva nella città la rete “Restiamo Umani”, alla quale aderiscono anche le chiese battista e valdese di Catania. Nell’ambito di questa attività di rete, concretizzatasi fra l’altro in due cortei di solidarietà a favore della Sea Watch 3 - che dal centro cittadino si sono portati fino al punto di ormeggio della nave – si è creato il contatto e l’amicizia fra l’equipaggio della nave e le nostre due chiese.

17 feb 2019 - Catania - Chiese battista e valdese - Festa della libertà. Breafing con equipaggio "Sea Watch 3"
17 feb 2019 - Catania - Chiese battista e valdese - Festa della libertà. Breafing con equipaggio "Sea Watch 3"

Al momento in cui scriviamo la Sea Watch 3 non è più nel porto di Catania. Dopo aver assolto alle prescrizioni tecniche indicate dalle autorità portuali la nave è potuta salpata e andare a  Marsiglia, per lavori di manutenzione programmati. Ma pare che dalla stessa Olanda – la nave batte bandiera olandese – giungano segnali affinché questa cessi la sua attività di soccorso.

In questo momento i mass media tacciono sui drammi dei migranti che cercano di approdare nelle nostre coste; le navi ONG sono attualmente quasi tutte ferme nei porti; le attività SAR sono tenute celate all’opinione pubblica; i lager libici sono sempre attivi.

17 feb 2019 - Catania - Chiese battista e valdese - Festa della libertà. Breafing con una sezione dell'equipaggio della Sea Watch 3
17 feb 2019 - Catania - Chiese battista e valdese - Festa della libertà. Breafing con una sezione dell'equipaggio della Sea Watch 3

Ci vuole una grande fede nella potenza di Dio per pensare che possano essere rimosse le cause delle migrazioni / realizzare condizioni per la libertà di movimento delle persone e che il cuore dei nostri concittadini e dei paesi occidentali possa cambiare.

Le nostre chiese pregano e operano, pur nei loro limiti, affinché la Parola creatrice e rigeneratrice di Dio sia udita, accolta, messa in pratica. Affinché il Sogno diventi realtà.

 

17 feb 2019 - Catania - Chiese battista e valdese - Festa della libertà. Si legge il testo delle lettere Patenti del Re Carlo Alberto.
17 feb 2019 - Catania - Chiese battista e valdese - Festa della libertà. Si legge il testo delle lettere Patenti del Re Carlo Alberto.

2019 – 02 – 26

 

 

 

Consoli Silvestro  foto dell’autore