INCONTRO ECUMENICO DEL 22 MARZO 2019

 

una condivisa meditazione sulle “beatitudini”.

 

Catania 22 marzo 2019. Riunione ecumenica presso chiesa battista di via Capuana 14.
Catania 22 marzo 2019. Riunione ecumenica presso chiesa battista di via Capuana 14.

Silvia Rapisarda, pastora delle chiese battista_capuana e valdese.  ha fatto una breve introduzione, della quale riportiamo una breve sintesi, basata sui versetti di Matteo 5: 1-12.

“Nel sermone sul monte Matteo ci mostra un Gesù che è sacerdote, re, servo sofferente, l’ultimo dei profeti.

Molto verosimilmente l’intento di Matteo è catechetico: un invito, rivolto ai credenti, per una riconsacrazione e per una vita coerente, radicalmente e attivamente, agli insegnamenti di Gesù.

Perché non basta credere ma è necessario vivere coerentemente il discepolato.

 

La parola “beato” significa “felice”. Nel greco classico veniva riferita alla condizione delle divinità. Quindi, in questa accezione, era felice ( beato ) chi non era travagliato dagli affanni e dalla finitudine dell’esistenza.

Nel corso dei secoli la parola beato ha assunto una connotazione profana: felice è colui al quale le cose vanno bene nella vita.

Nella letteratura sapienziale è felice colui che riceve le benedizioni di Dio poiché vive un’esistenza in un corretto rapporto con Lui.

Nella letteratura apocalittica è felice colui che verrà riscattato nel momento del giudizio, quando Dio sovvertirà l’ordine ingiusto di questo mondo”.

 

Catania 22 marzo 2019. Riunione ecumenica presso chiesa battista di via Capuana 14. Nella foto Silvia Rapisarda, pastora delle chiese battista e valdese di Catania.
Catania 22 marzo 2019. Riunione ecumenica presso chiesa battista di via Capuana 14. Nella foto Silvia Rapisarda, pastora delle chiese battista e valdese di Catania.

Conclusa la sua introduzione la pastora Rapisarda ha rivolto ai presenti varie domande, finalizzate all’avvio di una riflessione libera e condivisa:

“per voi chi è beato ( felice ) ?

in che modo voi leggete questa parola di Gesù che ci dice Beati ( felici ) ?

Quali sono le condizioni che ci rendono felici o quali condizioni invochiamo affinché noi possiamo ritenerci felici?

Ovvero, quali sono le condizioni che ci tolgono la felicità?”

 

Catania 22 marzo 2019.  Incontro ecumenico presso chiesa battista di via Capuana 14
Catania 22 marzo 2019. Incontro ecumenico presso chiesa battista di via Capuana 14

I vari e numerosi interventi hanno messo in evidenza che la comprensione del testo è correlata alla personale storia di ogni credente, al suo rapporto con Dio e al suo rapporto con la realtà fattuale.

È normale che ogni credente viva esistenzialmente la tensione fra una conoscenza dell’amore di Dio e la non piena realizzazione, in questo mondo, delle sue promesse. A questo status sovviene la fede e la speranza, perché non abbiamo un vangelo della vittoria totale su questa Terra ma ne abbiamo uno che ci permette di resistere e far fronte in maniera positiva agli eventi negativi dell’esistenza.

La preghiera, la speranza, la fede sono gli strumenti che permettono in tempi bui di andare avanti. Come i 40 anni nel deserto del popolo ebreo: solo la speranza ha loro permesso di andare avanti per tanto tempo nel deserto. Che poi potrebbe essere fede, fiducia nella promessa di Dio.

Catania 22 marzo 2019. Incontro ecumenico  presso chiesa battista di via Capuana.
Catania 22 marzo 2019. Incontro ecumenico presso chiesa battista di via Capuana.

L’incontro ha avuto luogo, con inizio alle ore 19.00, presso il locale di culto della chiesa battista di v. Capuana.

Erano presenti, oltre a membri della chiesa ospite, fra/sor delle chiese cattolica ( parrocchia S. Pietro e Paolo ), avventista, esercito della salvezza, luterana, anglicana, comunità S. Egidio, vari. Assente il prof. Piero Quinci coordinatore del Consiglio Ecumenico Cittadino.

 

Riportiamo il testo oggetto della riflessione:

Gesù, vedendo le folle, salì sul monte e si mise a sedere. I suoi discepoli si accostarono a lui, ed egli, aperta la bocca, insegnava loro dicendo:

«Beati i poveri in spirito, perché di loro è il regno dei cieli.

Beati quelli che sono afflitti, perché saranno consolati.

Beati i mansueti, perché erediteranno la terra.

Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati.

Beati i misericordiosi, perché a loro misericordia sarà fatta.

Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio.

Beati quelli che si adoperano per la pace, perché saranno chiamati figli di Dio.

 

Catania 22 marzo 2019. Incontro ecumenico presso chiesa battista di via Capuana.
Catania 22 marzo 2019. Incontro ecumenico presso chiesa battista di via Capuana.